Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Melanome 2018
Melanome
European dermatology congress

Associazione tra terapie biologiche per la psoriasi a placche cronica e gli eventi cardiovascolari


È stato dimostrato che Ustekinumab ( Stelara ) e Briakinumab, anticorpi monoclonali per la subunità comune p40 dell’interleuchina-12 ( IL-12 ) e Interleuchina-23 ( IL-23 ), sono efficaci nel trattamento della psoriasi a placche cronica.

Report preliminari sugli eventi avversi cardiovascolari maggiori in pazienti con psoriasi in trattamento con farmaci anti-IL-12/23 ha fatto sorgere dubbi.

Una meta-analisi ha valutato una possibile associazione tra terapie biologiche per la psoriasi a placche cronica e gli eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ).

L’analisi ha incluso studi randomizzati e controllati su farmaci anti-IL-12/23 ( Ustekinumab e Briakinumab ) e anti-fattore di necrosi tumorale alfa ( TNF-alfa ) ( Adalimumab [ Humira ], Etanercept [ Enbrel ] e Infliximab [ Remicade ] ), impiegati per il trattamento della psoriasi cronica a placche.

Gli studi, presi in esame, erano randomizzati, placebo-controllati, in doppio cieco e di monoterapia ( con dati relativi agli esiti di sicurezza per gli eventi avversi cardiovascolari maggiori ) di anticorpi IL-12/23 e farmaci anti-TNF-alfa nei pazienti adulti, mentre gli studi sull’artrite psoriasica sono stati esclusi.

In totale, 22 studi ( 10.183 pazienti ) hanno incontrato i criteri di inclusione predefiniti.

La misura di esito primario era rappresentata dagli eventi avversi cardiovascolari maggiori, un endpoint composito di infarto del miocardio, evento cerebrovascolare o decesso cardiovascolare nella fase placebo-controllata del trattamento in pazienti trattati con almeno 1 dose di farmaco o di placebo.

Le differenze di rischio assoluto sono state utilizzate come misura dell’effetto.

Non sono emerse prove di eterogeneità statistica tra gli studi utilizzando la statistica I(2) ( I(2)=0 ), e ciò ha reso possibile la combinazione dei dati provenienti dai diversi studi con modelli a effetti fissi di Mantel-Haenszel.

Durante le fasi placebo-controllate degli studi con anti-IL-12/23, 10 dei 3.179 pazienti trattati con terapie anti-IL-12/23 hanno manifestato eventi avversi cardiovascolari maggiori rispetto a zero eventi nei 1.474 pazienti trattati con placebo ( differenza di rischio di Mantel-Haenszel, 0.012 eventi/anni-persona; P=0.12 ).

Negli studi con anti-TNF-alfa, solo 1 su 3.858 pazienti trattati con farmaci anti-TNF-alfa è andato incontro a eventi avversi cardiovascolari maggiori rispetto a 1 su 1.812 pazienti trattati con placebo ( differenza di rischio di Mantel-Haenszel, -0.0005 eventi/anni-persona; P=0.94 ).

In conclusione, rispetto al placebo, non è emersa una differenza significativa nel tasso di eventi avversi cardiovascolari maggiori osservati in pazienti trattati con anticorpi anti-IL-12/IL-23 o con trattamenti anti-TNF-alfa. ( Xagena2011 )

Ryan C et al, JAMA 2011; 306: 864-871


Dermo2011 Cardio2011 Farma2011


Indietro