Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Brodalumab a confronto con Ustekinumab nella psoriasi


I primi studi clinici hanno indicato che l’anticorpo monoclonale anti-interleuchina-17 recettore A Brodalumab è efficace nel trattamento della psoriasi.

In due studi di fase 3 ( AMAGINE-2 e AMAGINE-3 ), i pazienti con psoriasi moderata-grave sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Brodalumab ( 210 mg o 140 mg ogni 2 settimane ), Ustekinumab [ Stelara ] ( 45 mg per i pazienti con un peso corporeo inferiore o uguale a 100 kg e 90 mg per i pazienti sopra i 100 kg ), oppure placebo.

Alla settimana 12, i pazienti trattati con Brodalumab sono stati nuovamente randomizzati a ricevere una dose di mantenimento di Brodalumab di 210 mg ogni 2 settimane o 140 mg ogni 2 settimane, ogni 4 settimane, oppure ogni 8 settimane; i pazienti trattati con Ustekinumab hanno continuato a ricevere Ustekinumab ogni 12 settimane, e i pazienti trattati con placebo hanno ricevuto 210 mg di Brodalumab ogni 2 settimane.

Gli obiettivi primari erano quelli di valutare la superiorità di Brodalumab rispetto al placebo alla settimana 12 in merito a una riduzione di almeno il 75% nel punteggio PASI 75 ( Psoriasis Area-and-Severity Index ) e un punteggio sPGA ( static Physician’s Global Assessment ) di 0 o 1 ( pelle guarita o quasi guarita ), così come la superiorità di Brodalumab rispetto a Ustekinumab alla settimana 12 relativamente a una riduzione del 100% del punteggio PASI ( PASI 100 ).

Alla settimana 12, i tassi di risposta PASI 75 sono stati più alti con Brodalumab alle dosi 210 mg e 140 mg rispetto al placebo ( 86% e 67%, rispettivamente, versus 8% AMAGINE-2 e 85% e 69% rispettivamente, vs 6% AMAGINE-3; P minore di 0.001 ); anche i tassi dei punteggi sPGA di 0 o 1 sono stati superiori con Brodalumab ( P minore di 0.001 ).

I tassi di risposta PASI 100 alla settimana 12 sono risultati significativamente più alti con 210 mg di Brodalumab che con Ustekinumab ( 44% vs 22% AMAGINE-2 e 37% vs 19% AMAGINE-3, P minore di 0.001 ).
I tassi di risposta PASI 100 con 140 mg di Brodalumab sono stati 26% in AMAGINE-2 ( P=0.08 per il confronto con Ustekinumab ) e 27% in AMAGINE-3 ( P=0.007 ).

I tassi di neutropenia sono stati più alti con Brodalumab e con Ustekinumab rispetto al placebo.
Infezioni da candida lievi o moderate sono stati più frequenti con Brodalumab che con Ustekinumab oppure placebo. Fino alla settimana 52, i tassi di gravi episodi infettivi sono stati 1.0 ( AMAGINE-2 ) e 1.3 ( AMAGINE-3 ) per 100 anni-paziente di esposizione a Brodalumab.

In conclusione, il trattamento con Brodalumab ha portato a significativi miglioramenti clinici nei pazienti con psoriasi moderata-grave. ( Xagena2015 )

Lebwohl M et al, N Engl J Med 2015; 373: 1318-1328

Dermo2015 Farma2015


Indietro