AAD Annual Meeting
Melanome 2018
European dermatology congress
OncoDermatologia

Rischio di neoplasie con il trattamento sistemico per la psoriasi


L'effetto della terapia sistemica sul rischio di malignità nei pazienti con psoriasi non è ancora completamente compreso.
È stato valutato l'impatto del trattamento sistemico sul rischio di malignità tra i pazienti con psoriasi nel Registro PSOLAR ( Psoriasis Longitudinal Assessment and Registry ).

Sono state eseguite analisi caso-controllo nidificate nei pazienti senza storia di neoplasia.
I casi sono stati definiti come prima neoplasia ( diversa da tumore della pelle non-melanoma ) in PSOLAR e i controlli sono stati abbinati per età, sesso, area geografica e momento temporale della presenza nel Registro.

Le terapie di studio hanno incluso Metotrexato, Ustekinumab ( Stelara ) e inibitori del fattore di necrosi tumorale-alfa ( TNF-alfa ).
L'esposizione è stata definita come una o più dosi di terapia di studio entro 12 mesi dall'insorgenza della neoplasia ed è stata ulteriormente stratificata per durata della terapia.
Sono stati stimati gli odds ratio ( OR ) di tumori maligni associati alla terapia.

Tra 12.090 pazienti, sono stati identificati 252 casi di malignità e sono stati abbinati 1.008 controlli.

Il trattamento con Metotrexato o Ustekinumab per gli intervalli: più di 0 mesi fino a meno di 3 mesi, da 3 mesi a meno di 12 mesi, o da 12 mesi e oltre, non è risultato associato a un aumento del rischio di tumori maligni rispetto a nessuna esposizione.

Il trattamento a lungo termine ( 12 mesi e oltre ) ( OR=1.54, P=0.01 ), ma non il trattamento a breve termine, con un inibitore del TNF-alfa è stato associato a un aumentato rischio di malignità.

In conclusione, il trattamento a lungo termine ( 12 mesi o più ) con un inibitore del TNF-alfa, ma non Metotrexato e Ustekinumab, può aumentare il rischio di neoplasie nei pazienti con psoriasi. ( Xagena2017 )

Fiorentino D et al, J Am Acad Dermatol 2017; 77: 845-854

Dermo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro